Visitando Conversano ci si renderà presto conto che il suo territorio non è solo degno di nota per le bellezze artistiche, paesaggistiche, architettoniche e storiche o per le prelibate leccornie della cucina tipica, ma un particolare rilievo lo assume anche la produzione artigianale locale. Dalle testimonianze antiche che rimangono vive nel tempo grazie alle stupende fortificazioni e alle mura megalitiche che caratterizzano stupendamente la cittadina, traspare fortemente una tradizione e un interesse per l’arte e l’architettura.
In tempi moderni, affiancate alla produzione agricola, spiccano produzioni artigianali che comunque attingono alle qualità e alle caratteristiche del territorio conversanese riuscendone a farne un vanto anche di fama internazionale.

Propria della conformazione fisica del territorio della Murgia, molto diffuso è l’artigianato in pietra calecarea, estratta scavando la parte più morbida e superficiale delle lame, i solchi erosivi tipici del paesaggio pugliese. Da questa caratteristica roccia, gli artigiani locali ottengono sculture e lavorazioni anche di design, lavorate alla vecchia maniera, che caratterizzano la produzione artigianale artistica tipica del territorio circostante.
Di lavorazione tradizionale a mano, le metodologie utilizzate sono tramandate di generazione in generazione e con esse i vecchi attrezzi da lavoro come scalpello, sega e pialla che contrappongono alla produzione industriale il fascino del Mady in Italy fatto a mano. L’arte e l’elaborazione di oggetti belli e unici comprende vari ambiti: dall’oggettistica all’arredamento, dalle sculture al design!

Altra lavorazione tipica del conversanese ha una mano tutta femminile ed è quella del chiacchierino, merletto o pizzo di straordinaria lavorazione, capolavoro creativo che adorna tovaglie, asciugamani, tende, biancheria personale e per la casa. Di origina antichissima, la tradizione del chiacchierino è stata tramandata di generazione in generazione attraverso le mani abili e sapienti delle donne che davano vita a vere e proprie opere artistiche di filo pregiato.
La sua diffusione a Conversano si deve alle suore del Convento di San Benedetto che lo utilizzavano per ornare gli arredi sacri, e che insegnarono alle donne del paese la difficile lavorazione a navetta che richiedeva un’eccellente abilità manuale nell’utilizzare una piccola spola di forma ovale con il dorso curvo e l’uncinetto. Ad oggi la tradizione viene tramandata ad ogni generazione seppur solo mani molto abili riescono a custodirne intatta l’origine artigianale e le merlettaie del conversanese ne sono la prova.

Arrivando ai nostri giorni ma con un impegno squisitamente curato e un occhio da artigiano, spicca nella cittadina di Conversano anche la produzione manufatturiera di Quartieri, un giovane imprenditore che ha fatto dell’arredo design e della creazione di bijoux, borse e accessori per l’arredamento, la sua fortuna. La passione e l’impegno messo nella creazione di oggetti particolari, unici e preziosi ha premiato con il successo il desiderio di sperimentare e la creatività artistica di Quartieri.
Attraverso creazioni di squisito sapore artigianale, l’artista esprime sinuosità, leggerezza e un gran desiderio di libertà e movimento, sottolineato anche dalle forme di volute e spirali che simboleggiano il cambiamento e l’evoluzione.

Conversano quindi da in natali anche a lavorazioni artistiche di pregio sia nell’ambito dell’oggettistica che dell’arredamento. Non lasciatevi sfuggire i pezzi unici, porterete a casa un po’ dell’atmosfera magica conversanese!